opac, catalogo, online,servizi, biblioteca, sebina

Tempi barbarici : l'Europa occidentale tra antichità e Medioevo (300-900)

Gasparri, Stefano

2012

Abstract
Nelle fonti tra VI e XI secolo, l'espressione "tempi barbarici" indica i periodi di profondo cambiamento in cui si tenta faticosamente di trovare un nuovo equilibrio. Oggetto di un'intensa ricerca internazionale, l'alto medioevo appare adesso molto lontano dal quadro ottocentesco, che vedeva i barbari nel ruolo di fondatori delle nazioni europee oppure di distruttori della civiltà. Si è riconosciuta la sua importanza come momento delle origini del potere del papa e della nascita dell'Islam, dell'emergere di nuovi modelli maschili (i valori militari invece dell'otium) e di spazi per l'esercizio del potere pubblico da parte delle donne. Al suo interno agirono forze vecchie e nuove: i soldati barbari dell'esercito tardo romano si affermarono come nuovo gruppo di potere e i monaci irlandesi proposero la propria peregrinano come segno di santità. Pure lo stato si trasformò, dal modello romano regolato dalle imposte a uno in cui il rapporto di amicizia o di conflitto col re rappresentava il fattore [...]
  • Lo trovi in
  • Scheda
  • Unimarc
  • Chi ha letto questo ha letto anche...
USMO3@Scienze Storia

Scienze Storia

Documento in prestito. Rientro previsto 02/05/2018 , escluso dal prestito interbibliotecario

Prenotazione documento

Inventario
014 2584
Collocazione
10L(T17). COLL. 0438 /0138
Note
v. 138