opac, catalogo, online,servizi, biblioteca, sebina

Dante giurista? : sondaggi nella Divina Commedia

Bianchini Jesurum, Daniela

2014

Abstract
La storia di Dante - come poeta, come intellettuale e come uomo politico - si mostra agli occhi di chi la studia come una continua e speranzosa ricerca della giustizia e della pace fra gli uomini. Si tratta di un'idea di giustizia che affonda le sue radici negli insegnamenti evangelici, in quanto strettamente unita alla carità, ossia al punto più alto a cui arriva l'amore. Dal concetto di giustizia come nemica della cupidigia, Dante ha ricavato un concetto di diritto inteso essenzialmente come strumento per raggiungere il bene comune, come quel "rapporto reale e personale fra uomo e uomo che, mantenuto, mantiene la società umana, e corrotto, la corrompe". Diritto e giustizia, nel pensiero dell'Alighieri, sono naturalmente inscindibili ed entrambi sono manifestazione della volontà divina. Attraverso la Commedia, inoltre, il poeta pronuncia un'energica esortazione a ritrovare l'unità e la carità, nel superamento delle divisioni, dei dissidi, dell'invidia e della sopraffazione. Nel volume, [...]
  • Lo trovi in
  • Scheda
  • Unimarc
USM$A6R7@Studi giuridici e umanistici. Sottocrociera

Studi giuridici e umanistici. Sottocrociera

Documento per sola consultazione interna

Inventario
001 364036
Collocazione
CC34. 04.3. 076