opac, catalogo, online,servizi, biblioteca, sebina

Antigone tradita : una contraddizione della modernità : libertà e Stato nazionale

Voltaggio, Franco <1934- >

Editori Internazionali Riuniti - 2013

Abstract
Quando, nel 1788, Hegel legge e traduce in tedesco l'"Antigone" di Sofocle, l'immortale infelice eroina della lotta per la giustizia universale contro l'ottusa brutalità del potere provoca in lui un vero innamoramento: il fuoco della libertà che aveva travolto Antigone, infatti, era stato il medesimo che aveva bruciato nel suo cuore di diciottenne. Quel fuoco sembrava destinato a fare di Hegel il filosofo di un mondo libero, un mondo di cui Hölderlin era il cantore, illuminato dall'amore e dalla bellezza. Le cose però non andarono così. Prima ancora dei trent'anni, in Hegel iniziano a insinuarsi i dubbi, i sogni di gloria assumono una configurazione più realistica, e il giovane che aveva amato celebrare, con Hölderlin e Schelling, gli anniversari della Rivoluzione francese, comincia a trasformarsi nell'oculato amministratore di un lento ma sicuro successo. Approssimandosi ai quarant'anni, Hegel approfondisce e articola le sue ricerche sullo Spirito, il "Geist". Quando inizia la scrittura dell'epopea del mondo moderno, la "Fenomenologia dello spirito", è ancora innamorato di Antigone [...]
  • Lo trovi in
  • Scheda
  • Unimarc
USM$L7V6@Scienze giuridiche Beccaria. Filosofia diritto

Scienze giuridiche Beccaria. Filosofia diritto

Documento disponibile

Richiesta di prestito

Inventario
004 2150
Collocazione
11G. B1. 1692