opac, catalogo, online,servizi, biblioteca, sebina

Caravaggio, Giordano Bruno e l'invisibile natura delle cose

Panzera, Anna Maria

2011

Abstract
Intorno al 1596 sia Caravaggio sia Giordano Bruno respirano l'aria di Roma: l'uno è sulla strada per intraprendere una brillante carriera artistica, l'altro è prigioniero dell'Inquisizione pontificia già dal 1593. Se è poco probabile che Caravaggio si dedicasse a letture filosofiche, è sicuro che Bruno, nella sua cella delle carceri del Sant'Uffizio, non vide mai un quadro di mano del Caravaggio. Eppure, a dispetto di esistenze cosi separate, l'autrice ben ci racconta come i due uomini furono accomunati da un approccio al reale in contrasto col principio d'autorità vigente nella cultura coeva e incentrato sull'esperienza personale e diretta del mondo, trasformato in un universo di immagini, che adombrano verità più profonde. Per il filosofo, il pensiero umano è come un pittore. Per l'artista, le immagini sono un modo di pensare. Prefazione di Claudio Strinati e Michele Ciliberto.
  • Lo trovi in
  • Scheda
  • Unimarc
USMN6@Mediazione interculturale e comunicazione

Mediazione interculturale e comunicazione

Documento disponibile

Richiesta di prestito

Inventario
012 8823
Collocazione
MIC. 750.92 PAN01